histats.com

La Medaglia Rovesciata

Notizie dalla rete, attualità, life style, turismo, tecnologia, tutela consumatori, sport

.
Share Button

il 40% degli italiani vuole lasciare l’euro


bancaROMA, 30 gennaio (Reuters) – Dopo anni di spremitura dalla recessione gli italiani hanno alimentato un sentimento contro la moneta comune europea, un sondaggio di venerdì ha mostrato, che  il 40 per cento va dicendo che il paese dovrebbe abbandonare l’euro e tornare alla lira.

 

Questo è un salto dal 25,7 per cento nello stesso sondaggio dello scorso anno, sempre dell’Eurispes, dove l’istituto di ricerca aveva detto precedentemente  nella sua relazione annuale.

 

Il cambiamento è particolarmente sorprendente per l’Italia, dove le persone sono sempre state fortemente europeista e hanno nutrito una maggiore fiducia nelle istituzioni dell’UE che nelle loro, frutto della lunga  instabilità politica e della corruzione.

 

“Solo l’anno scorso abbiamo riaffermato il fatto che gli italiani hanno continuato a sostenere l’euro, nonostante la loro sfiducia nelle nostre istituzioni”, ha detto il presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara nella relazione, accusando la crisi economica prolungata per l’aumento del sentimento anti-euro.

 

“Il numero di persone che vivono in condizioni di povertà è in crescita. le aspettative economiche sono povere ed hanno raggiunto livelli scoraggianti.”

Le tensioni nella zona euro sono in aumento dopo i greci, stanchi di austerità e recessione, hanno eletto un governo, domenica scorsa, che vuole rinegoziare il piano di salvataggio del debito.

La crisi greca  ha minacciato l’Italia, con il suo debito mostruoso di 2000 miliardi di euro,rischiando il default.

Il primo ministro Matteo Renzi ha tagliato le tasse per i bassi salari e sta premendo l’Unione europea a concentrarsi maggiormente sulla riavviare la crescita economica, ma le riforme in Italia stanno procedendo lentamente.

 

Diversi partiti di opposizione italiani sono apertamente critici dell’euro, tra cui  m5s, che vuole un referendum sull’adesione dell’Italia, e la Lega Nord, che ha visto un aumento nel suo sostegno nel corso dell’ultimo anno.

L’economia dell’Italia, che è la terza più grande della zona euro, non ha pubblicato un solo trimestre di crescita dalla metà del 2011 e la disoccupazione resta vicino al record di tutti i tempi, anche se i dati di venerdì hanno mostrato che è scesa al di sotto del 13 per cento nel mese di dicembre.

 

La crisi economica ha inoltre prodotto un costante aumento del numero di italiani che desiderano lasciare il paese per cercare lavoro altrove, e il sondaggio di venerdì ha mostrato che il 45,4 per cento ha detto che sta ora valutando la possibilità di emigrare.

Questo dato è da paragonare con quello del2012 dove erano il 40.6 per cento che stavano pensando di lasciare il paese.

Valutazioni

  • Total Score 0%
Votazioni dei lettori 0.00% ( 0
voti )
Share Button



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *